sabato 8 aprile 2017



La d eufonica è una risorsa fonetica per evitare, nella lingua parlata e scritta, l'incontro di due suoni identici e consecutivi:

ed ecco;
ad andare;
od obbligare.


Quando si usa la d eufonica?

Con la preposizione a > ad + parola iniziante per a
Con la congiunzione e > ed + parola iniziante per e


Fino a una cinquantina di anni fa, l'assenza della d eufonica veniva considerato un errore molto grave. Oggi, però, limitiamo l'uso della de eufonica ai casi di incontro della stessa vocale.

Così, diciamo:

a osservare, non ad osservare;
e anche,
non ed anche;
ad aspettare,
non a aspettare;
ed entrò,
non e entrò.

Un'eccezione, imposta dall'uso è:

ad esempio, non a esempio.

Se la parola che segue contiene una d nelle prime sillabe, la d eufonica andrà evitata:

Giacomo e Edoardo (corretto)
Giacomo ed Edoardo (errato)
devo dire a Ada (corretto)
devo dire ad Ada (errato)

La d eufonica non si usa più con la congiunzione o:

ieri o oggi (corretto)
ieri od oggi (errato)
Categories:

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Impariamo italiano!