martedì 10 giugno 2014

La concordanza dei tempi del congiuntivo

Il verbo della frase principale è all'indicativo presente.


  1. Per esprimere anteriorità si usa il congiuntivo passato nella frase subordinata:
    Penso (oggi) che Giorgio (ieri o nel passato) sia andato a Barcellona.
  2. Per esprimere contemporaneità si usa il congiuntivo presente nella subordinata:
    Penso (oggi) che Giorgio (oggi) vada a Barcellona.
  3. Per esprimere posteriorità si usa il futuro semplice nella subordinata:
    Penso (oggi) che Giorgio (in seguito) andrà a Barcellona.



 Il verbo della frase principale è al passato.


  1. Per esprimere anteriorità si usa il congiuntivo trapassato nella frase subordinata:
    Pensavo (ieri o in un giorno nel passato) che Giorgio (prima di ieri o prima di quel giorno nel passato) fosse andato a Barcellona.
  2. Per esprimere contemporaneità si usa il congiuntivo imperfetto  nella frase subordinata:
    Ho pensato (ieri o in un giorno nel passato) che Giorgio (ieri o quel giorno nel passato) andasse a Barcellona.
  3. Per esprimere posteriorità si usa il condizionale passato nella frase subordinata:
    Pensavo (ieri o in un giorno nel passato) che Giorgio (nel futuro) sarebbe andato a Barcellona.


Il verbo della frase principale è al condizionale semplice.

  1. Per esprimere posteriorità si usa il congiuntivo imperfetto nella frase subordinata:
    Mi piacerebbe che tu smettessi di lavorare presto domani per andare al ristorante insieme.
  2. Per esprimere contemporaneità si usa il congiuntivo imperfetto nella frase subordinata:
    Vorrei che qualcuno mi aiutasse a correggere gli esami.
  3. Per esprimere anteriorità si usa il congiuntivo trapassato nella frase subordinata:
    Vorrei che l'anno scorso vi foste iscritti all'Università.


 




Ti può interessare: La concordanza dei tempi dell'indicativo

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Impariamo italiano!